Tag miglioramento genetico

Hai cercato la parola "miglioramento genetico" 30 risultati trovati

Il miglioramento genetico del futuro deve essere un’agricoltura sostenibile

Il concetto di agricoltura sostenibile è molto ampio e complesso. Dal punto di vista ambientale, si intende un'agricoltura rispettosa delle risorse naturali quali acqua, fertilità del suolo, biodiversità, e che non utilizzi sostanze chimiche inquinanti. Dal punto di vista sociale, si intende …

Leggi tutto

Il miglioramento genetico tramite Genome Editing

La scoperta del sistema di CRISPR/CAS9 quale metodo per indurre modificazioni genetiche mirate all’ottenimento di caratteri desiderati per il miglioramento genetico delle specie agroalimentari (considerata anche la crescita della popolazione mondiale dei prossimi anni e decenni),  sposta  l’at…

Leggi tutto

Il miglioramento genetico rappresenta la storia dell'agricoltura

Con le pratiche agricole, e nel corso dei millenni, le piante coltivate sono diventate organismi geneticamente modificati, dapprima solo per mutazioni casuali, poi per mutazioni indotte dall’Uomo, oggi attraverso le Biotecnologie di ultima generazione. L’Agricoltura ha dunque originato le piant…

Leggi tutto

Il miglioramento genetico e innovazioni per la valorizzazione dei prodotti della filiera agrumicola

Al pari di altre colture da alto reddito, il comparto agrumicolo necessita di un costante flusso di innovazione che possa mantenere livelli di competitività adeguati a sostenere le sfide determinate dalle mutate condizioni climatiche, fitopatologiche e di mercato. In quest' ottica, il  Parco Scie…

Leggi tutto

Il miglioramento genetico della vite

Il miglioramento genetico della vite presenta due facce: l’una riguarda l’uva da tavola, l’altra riguarda l’uva da vino. Nel primo caso, il miglioramento genetico tradizionale, basato sull’incrocio e la selezione, è stato intenso ed ha portato ad un arricchimento spettacolare del panorama…

Leggi tutto

Team di ricerca cinese utilizza il genome editing sulla vite

Immaginate di poter modificare in maniera mirata un solo carattere di una varietà di vite, senza dovercene portare dentro molti altri come avviene con un incrocio: quella vite potrebbe ad esempio diventare naturalmente resistente ai funghi, senza cambiare minimamente le sue proprietà organolettich…

Leggi tutto

Che cos’è il miglioramento genetico?

 Il Miglioramento Genetico rappresenta la storia dell'agricoltura. Fin dalla nascita dell'agricoltura, infatti, l’uomo ha  iniziato a modificare il fenotipo delle piante, scegliendo e selezionando le caratteristiche più utili al proprio fabbisogno alimentare. Infatti le diverse caratteristiche…

Leggi tutto

CREAVIT: Istituto Sperimentale per la Viticoltura

Il CREA-VIT si occupa di conservazione, caratterizzazione e valorizzazione del germoplasma viticolo, con attività prevalenti nei settori del miglioramento genetico, fisiologia, genomica e metabolomica della vite, diagnosi e difesa dalle avversità biotiche, delle tecniche colturali e di zonazione. …

Leggi tutto

Risposta: OGM e sicurezza alimentare: CREA, SIGA e il mondo scientifico

In Italia la discussione sulle nuove tecniche biotecnologiche, ed in particolare sulla cisgenesi e il genome editing è stata portata in senato il 30 luglio del 2015 come “Affare assegnato sulla materia delle nuove tecnologie in agricoltura, con particolare riferimento all'uso delle biotecnologie …

Leggi tutto

Può un granturco antico aiutarci ad affrontare il cambiamento climatico?

Negli ultimi anni è aumentato sempre di più l’interesse per i cereali “antichi”, come il frumento Senatore Cappelli e il mais Nostrano di Storo, considerati superiori rispetto alle moderne varietà commerciali dal punto di vista organolettico. Ma oltre a una mera questione gastronomica, può…

Leggi tutto

L'avvento del "genome editing" richiede un dialogo consapevole tra scienza e società

Negli ultimi anni stiamo assistendo a una rivoluzione nelle biotecnologie del settore agricolo, e il genome editing è l’innovazione più promettente.Ma le piante così modificate sono da considerare OGM, oppure no? Negli Stati Uniti non lo sono, dal momento che il prodotto finale non contiene DNA…

Leggi tutto

Una nuova biotecnologia più sicura

Se il comune cittadino conosce da tempo la sigla OGM (Organismi Geneticamente Modificati), probabilmente non conosce ancora la sigla OGE (Organismi Geneticamente Editati).  Si tratta di un nuovo acronimo, utilizzato per indicare una nuova biotecnologia capace di apportare modificazioni genetiche, s…

Leggi tutto

Un caffè di qualità a portata di tutte le tasche

Due tra le più importanti aziende italiane produttrici di caffè, Illy e Lavazza, hanno recentemente presentato la sequenza del genoma di Coffea arabica, che rappresenta il 70% della produzione mondiale di caffè. Questo traguardo apre la strada al miglioramento genetico mirato di questa specie, co…

Leggi tutto

Coltivare energia anche in Italia

Il 2017 si apre con la ricostruzione della mappa dei geni del sorgo da parte del China National Sorghum Improvement Center. Questo nuovo traguardo pone le basi per una nuova stagione di innovazione anche in Italia, dove le nuove conoscenze scientifiche possono essere applicate per migliorare le moda…

Leggi tutto

Il pomodoro biotech che strizza l'occhio alla tradizione

Pomodori rossi, gustosi, nutrienti e soprattutto a lunga conservazione grazie a una buccia più resistente nel tempo: questo è l’asso nella manica calato dalla ricerca biotech che semplifica la filiera ed esalta il sapore. Ai ricercatori dell’Università di Nottingham autori della scoperta è b…

Leggi tutto

Miglioramento genetico

Il sequenziamento completo del genoma è stato raggiunto nel 2007 e il team udinese è arrivato alla ribalta della scena scientifica mondiale. Una volta svelati i segreti della costituzione genetica della vite, ci si è potuto concentrare sull'analisi funzionale sistematica dei geni che consente di …

Leggi tutto

Le ricadute del progetto e dei risultati della ricerca

Le ricadute più importanti del progetto sono sicuramente quelle relative alla ricerca fondamentale sull’organizzazione e sull’evoluzione dei genomi vegetali e quelle relative alla conoscenza di geni relativi a pathway biologici importanti, per i quali la vite rappresenta una pianta modello. Pe…

Leggi tutto

Allevamenti, le specie ittiche e le richieste del mercato

Tradizionalmente l’itticoltura europea è nata con l’allevamento di tipo estensivo di pesci d’acqua dolce, passando poi a specie anadrome, per poi arrivare allo sviluppo negli ultimi 50 anni dell’allevamento di specie marine. Al contrario di quanto avviene nella zootecnia terrestre, dove al …

Leggi tutto

Il CREA vincitore di un progetto di ricerca sull’acquacoltura sostenibile

Il Centro di ricerca CREA per la produzione delle carni e il miglioramento genetico di Roma è risultato vincitore, insieme ad altre unità operative italiane, di un progetto di ricerca sull'acquacoltura sostenibile, finanziato dalla Fondazione AGER. Il progetto è stato scelto per la qualità sci…

Leggi tutto

Il genoma dei citrus: i ricercatori italiani contribuiscono a svelare i segreti degli agrumi

Un consorzio internazionale (“International Citrus Genome Consortium”), comprendente ricercatori di Italia, USA, Francia, Brasile, ha pubblicato sulla rivista Nature Biotechnology dell’8 giugno 2014 la sequenza completa del genoma di clementine (Citrus x clementine) e quella di altri sette agr…

Leggi tutto

Il miglioramento genetico della vite in Europa

Ad onore del vero, programmi di incrocio e selezione nella vite da vino per la resistenza alle malattie erano iniziati in Europa già nella seconda metà del XIX secolo a seguito dell’introduzione dal Nuovo Mondo di tre patogeni – fillossera, peronospora e oidio – che avevano devastato la viti…

Leggi tutto

Un mangime "biotech" che consente di abbattere i costi di produzione senza compromettere la qualità del pesce

E’ stato finalmente messo a punto un metodo per ottenere astaxantina “naturale”, anziché di sintesi da sottoprodotti del petrolio, a partire da una nuova varietà di soia transgenica. L’astaxantina, un pigmento appartenente alla famiglia dei carotenoidi, è ampiamente utilizzata come supple…

Leggi tutto

La variabilità genetica

La variabilità genetica che si manifesta ad ogni nuova generazione filiale,  è assicurata dalla riproduzione sessuata.Questo è possibile dal momento che i caratteri genetici sono codificati da geni nelle loro diverse espressioni alleliche, sui quali agiscono quattro processi casuali:1.  cross…

Leggi tutto

Risposta: OGM e sicurezza alimentare: EFSA(European Food Safety Authority)

Riguardo alle biotecnologie e, in particolare all'introduzione di  organismi geneticamente modificati (OGM) nel settore agroalimentare, si è acceso negli ultimi anni un forte dibattito a livello nazionale e internazionale relativamente alle tematiche della protezione dell'ambiente e della salute,…

Leggi tutto

OGM e sicurezza alimentare: valutazione

La valutazione e la gestione di questi potenziali rischi sono stati al centro, non solo di tutta la normativa di riferimento a partire dal 1990, ma anche della ricerca sugli OGM degli ultimi tre decenni. L'Europa ha investito, tra il 1985 e il 2010, circa 250 milioni di euro per valutare la sicurezz…

Leggi tutto

Il mercato e le prospettive future

Dieci selezioni – 5 a bacca bianca e 5 a bacca rossa – sono state dunque registrate nel 2015. Troppe, dirà qualcuno. Riteniamo di no, considerando tre aspetti: la diversità di “background” genetico dovuto all'uso di parentali diversi, l’opportunità di lasciare al mercato il diritto di s…

Leggi tutto

La valutazione della resistenza, la valutazione agronomica e enologica

La valutazione ha riguardato soprattutto la resistenza a peronospora e, in secondo ordine, la resistenza ad oidio. Si è lavorato con due geni per la resistenza a peronospora e due geni per la resistenza ad oidio. Nei primi anni l’attività di selezione per la peronospora è stata basata sia su …

Leggi tutto

I piani di incrocio e l’attività di selezione

Il piano prevedeva all'inizio l’incrocio di alcune varietà di pregio internazionali come Chardonnay, Sauvignon, Merlot, Cabernet Sauvignon, nazionali come il Sangiovese e locali come il Tocai friulano (oggi ‘Friulano’), da una parte, e una serie di varietà e selezioni avanzate ottenute dai C…

Leggi tutto

Le fonti di resistenza

Per quanto riguarda le due malattie fungine prese in considerazione (peronospora e oidio), le fonte di resistenza riportate in letteratura sono numerose. Il gruppo di Udine ha lavorato finora con due resistenze monogeniche a peronospora (Rpv3, Rpv12), provenienti rispettivamente da specie americane …

Leggi tutto

Primi vitigni resistenti alle malattie prodotti in Italia

Sono dieci, cinque a bacca bianca - Fleurtai, Soreli, Sauvignon Kretos, Sauvignon Nepis, Sauvignon Rytos - e cinque a bacca rossa - Cabernet Eidos, Cabernet Volos, Merlot Khorus, Merlot Kanthus, Julius, i primi vitigni resistenti alle malattie, prodotti in Italia dai ricercatori dell’Università d…

Leggi tutto