Adversity in the vineyard

Adversity in the vineyard

Monitoring adversity in the vineyard of Friuli thanks to technology

The management of the health status of the vine is the one that has the greatest economic and environmental impact of the crop, and on this topic, there is the greatest need for innovation in order to respond in a concrete way to the expectations of consumers, the population living in wine-growing areas and same industry operators.

 The European Community and each country have done great efforts in the recent years to regulate the sub-sector by providing more and more binding directives. In particular, the recently introduced Directive 2009/128 / EC on the sustainable use of pesticides imposes new obligations with regard to integrated farming practices for the improvement and optimisation of defence strategies.

The Friuli Venezia Giulia Region, one of the rainiest regions in Italy and one of the main wine-producing areas, has been understanding the importance of technology to track these adversities already for ten years. Monitoring meteorological and crop adversity monitoring, monitoring data processing, warning and warning services, technical assistance coordination and compulsory control are some of the techniques successfully tested in recent years in the territory in order to become the base of work for the new defence, integrated into the vineyard in Friuli.

Documents


From the mobile data collection device to the phytopathological cloud for real-time data sharing

Giovanni Bigot,  with his consulting company "Perleuve", is surely one of the most innovative technicians in the area. Already in 2003, he started using his mobile device to store field data.  Eleven years later, its idea, thanks to the collaboration with regional authorities such as the Plant Health Service of Regional Agency for Agriculture Development (ERSA - agenzia regionale di sviluppo agricolo) and Doc Consortium of Friuli Venezia Giulia and the training section of their technical operators (Francesco Degano (DOC Colli Orientali e Ramandolo), Monica Moschioni (DOC Friuli Isonzo), Dario Maurigh (DOC Collio e Carso), Marco Masotti (DOC Friuli Grave), Gabriele Marchi, Roberto Rossi and (DOC Aquileia, Annia e Latisana), he managed to obtain a large accumulated mass of georeferenced annotations on pest monitors, vigorous data and deficiencies in the vineyards. Thanks to a shared protocol and the quality of the reliefs, it has been possible to build a precise map of the agronomic and phytosanitary history of Friuli Venezia Giulia.


Enhance defence through a shared georeferenced cloud network

Thanks to a pilot project involving the interconnection of embedded devices to a cloud network, these data and this detection methodology are now shared among consultants and technicians working in the vine industry. "We have taken advantage of the necessity to make data and support for integrated production accessible to the whole range of regional wine companies, even unstructured ones (the constraint is provided by the Action Plan on Sustainable Use of Agri-Drugs), to revise the whole system through strong public-private synergy," says Carlo Frausin, Director of the Plant Health Service of ERSA."It is the natural evolution of some regional projects to see the strengthening of the partnership between Ersa with some active subjects such as the Regional Wine DOC Consortium, Op Friulfruct, which operates in the apple tree sector, Dop Tergeste for olive oil. The technicians working in these areas are coordinated  through the SISSAR system (Integrated Rural and Rural Development Services System), which supports, among others, technical assistance to integrated defence."

"Business advice - says Frausin -" must be based on a direct relationship between customer and service managers: it is appreciated if it is paid directly by the manufacturer.  The case of warnings and the phytosanitary alerts is different: in this case, the public support must provide adequate information to all the plurality of companies and not just to the more structured and evolved ones, able to network with an advisory structure. "

The new Rural Development Plan of the Region (Piano per lo Sviluppo Rurale della Regione ) has provided adequate financial support for the start-up of the new operational tool devoted to vineyard defense strategies that exploits the management and maintenance of the dense network of agro-meteorological units that have recently moved to Regional Civil Protection, a network that also uses radars to detect perturbations. The collected data is then processed by Osmer-Arpa and reorganised for the integrated defence by Ersa, which is thus able to issue the phytosanitary warning bulletins.

The goal is to get a detail of information according to a 2X2 km pattern, but in some areas, the meshes will reach 500 X 500 meters. With the tool designed, open source data will also be available on the most common forecasting models: each company or technician will be able to choose the most suitable ones, according to personal needs. This network will be coordinated by Ersa and the Consortium of the Friuli Doc with the support of Perleuve. "The important thing," Bigot stigmatised, "is to maintain a high level of uniformity and detail, through constant training of technicians and data control, to share only certain and quality elements."


4Grapes: A free app, able to monitor the main adversity of the vine

After activating a network of shared information among industry professionals, dedicated public bodies and some producers involved in the project, in 2015, a smartphone app was completed and is available for everyone, enabling every manufacturer to monitor the main adversity of the vine.

"Monitoring vine disease is crucial, whether it is caused by fungal or insect causing agents. It is also because Integrated Defence disciplinarians only deal with the achievement of a certain threshold, which should be registered," explained Giovanni Bigot. "Well executed and orderly field monitoring allows you to evaluate the effectiveness of the defence lines and, if necessary, modify them during the season, choosing the most appropriate plant protection mixtures, even with specific site interventions. Phytosanitary management is optimised, with increased efficiency and - treating only where and when needed - it is an environmental and economic benefit, too."

 "We at Perleuve Srl - have developed  ‘4Grapes’, an application for smartphones and mobile devices that allows you to collect and store data when you are in the field, directly from the smartphone and have always updated the detailed description of the situation of your company or one or more districts (in the other case, share your own survey). The device is used by those who go to the vineyard (technician, winemaker, consultant, ...) but it also provides responsibilities that can also be used by phytosanitary consortia and services, for example. In fact, the program can give a return for vineyards or a data average for a community or other area, so the company can also see its background data among the medium of the territory data (and, by comparing, evaluating the effectiveness of its action defence)."

"The app can be downloaded free of charge," comments Bigot, adding: "Because only when a memory is shared, it becomes culture. IThis is the idea at the basis of the evolution of the technical assistance sector in this Region." Shortly the vine model could be extended to the fruit, olive and cereal sectors as well.

Patricija Muzlovic

Documents

Video


Share

Related questions

  • We talk a lot about sustainability in agriculture and in viticulture in particular. What is it about?

    Sostenibilità e sviluppo si incontrano e si integrano a vicenda nel concetto di “Sviluppo Sostenibile”, che negli ultimi 20 anni è stato oggetto di diverse interpretazioni. La definizione più famosa è quella del Rapporto Bruntland (1987) che vede nella sostenibilità lo "sviluppo che risponde alle necessità del presente, senza compromettere la capacità delle generazioni future di soddisfare le proprie necessità". Un’altra definizione “storica” è quella formulata nel 1991 in “Caring for the Earth: A Strategy for Sustainable Living” dove la pratica dello sviluppo sostenibile è “il soddisfacimento della qualità della vita, mantenendosi entro i limiti della capacità di carico degli ecosistemi che ci sostengono”. Le due definizioni danno assieme una chiara comprensione del concetto di Sviluppo Sostenibile inteso come beneficio per le persone e per gli ecosistemi. Il Summit mondiale di Rio De Janeiro (1992) ha segnato un passaggio storico nella consapevolezza del problema ambientale planetario, che non può essere affrontato riparando i danni a posteriori, ma riorientando il modo di produrre e consumare verso la qualità ambientale e sociale. Il World Summit on Sustainable Development (WSSD) di Johannesburg (2002) ha ampliato il concetto di Sviluppo Sostenibile come integrazione di tre dimensioni, strettamente collegate tra loro:

    • Economia (povertà, modelli di produzione e consumo...)
    • Società (pace, sicurezza, diritti e libertà fondamentali, diversità culturali...)
    • Ambiente (protezione e gestione delle risorse naturali...)

    Lo Sviluppo Sostenibile può quindi essere considerato come un equilibrio dinamico tra qualità ambientale, istituzionale, sviluppo economico e equità sociale: non mira al mantenimento di uno “status quo”, ma si muove invece nella direzione del cambiamento, riconoscendo che la società umana è in costante movimento.

    Solo dal 25 settembre 2015, con la nuova “Agenda 2030” dell’ONU, tutti i paesi del mondo senza distinzioni tra ricchi e poveri, avanzati in via di sviluppo, hanno sottoscritto l’impegno a perseguire nei prossimi 15 anni  I 17 obiettivi comuni per lo sviluppo e la salvezza del pianeta, che non sono soltanto di natura ambientale ma anche sociale ed economico. Gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile hanno così sostituito da quest’anno gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (scaduti nel 2015), chiamando tutti i paesi del mondo a formulare una strategia di sviluppo universale adeguata senza distinzioni tra paesi sviluppati, emergenti e in via di sviluppo. Infine, l’agenda è frutto di un grande processo partecipativo al quale possono tutt’ora contribuire tutti, dalla società civile, mondo politico, mondo scientifico e produttivo.

    Su iniziativa dell’Università Tor Vergata di Roma e della Fondazione Unipolis, è nata invece a febbraio 2016, Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASVIS) che mette insieme un gruppo di lavoro trasversale a più settori e a più mondi creando una rete virtuosa composta al momento da un centinaio di membri. La sua missione è di raccogliere e declinare su scala nazionale la sfida divenuta oggi più che mai globale della sostenibilità. L’alleanza è stata ufficialmente presentata alla Camera dei deputati davanti alla presidente Laura Boldrini e al ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti l’11 marzo 2016. 

    Il concetto di “agricoltura sostenibile” è molto ampio e complesso. Può essere visto dal punto di vista ambientale, intendendo un'agricoltura rispettosa delle risorse naturali quali acqua, fertilità del suolo, biodiversità, e che non utilizzi sostanze chimiche inquinanti. Si può parlare di agricoltura sostenibile dal punto di vista sociale, cioè la capacità dell'intera produzione agroalimentare mondiale di far fronte alla domanda globale, non solo dei paesi industrializzati, ma anche di quelli in via di sviluppo. Si può, infine, intendere l'agricoltura sostenibile, dal punto di vista economico, cioè vantaggiosa per l'agricoltore favorendo un reddito equo (commercio equo-solidale), la tutela della salute dell'operatore e il miglioramento della qualità della vita degli agricoltori e dell'intera società. Chi si occupa di agricoltura sostenibile, privilegia pertanto quei processi naturali che consentono di preservare la “risorsa ambiente”, evitando così il ricorso a pratiche dannose per il suolo (come le lavorazioni intensive) e a sostanze chimiche (pesticidi, ormoni, ecc.) e utilizzando fonti energetiche rinnovabili. Non esiste un unico modo per fare agricoltura sostenibile (dalla agricoltura biologica, biodinamica, permacultura, agricoltura sociale, agricoltura solidale ed infine, agricoltura integrata). 

    La sostenibilità è un argomento centrale nel mondo viticolo ed enologico, ma dare una definizione univoca di tale concetto può a volte essere difficile, dal momento che i sistemi agricoli sono complessi e caratterizzati da differenti gradi di dinamismo, e coinvolgono spesso visioni e approcci fondamentalmente differenti in funzione di obiettivi e valori in campo. In ogni caso, l’agricoltura, nel caso specifico, le viticolture attuali portano con loro una serie di problemi legati ad insicurezze economiche date dal momento storico in cui ci troviamo, necessità ecologiche, di ovvia natura, e fabbisogni sociali che richiedono interventi mirati e tempestivi. Partendo da ciò, la definizione di viticoltura sostenibile non può prescindere da un’accezione pratica che trovi riscontri applicativi nelle realtà produttive. Constatando l'esistenza di diversi approcci e regolamenti nazionali relativi in particolare alla produzione ragionata, integrata e sostenibile, l'OIV (Organizzazione Internazionale del Vigneto e del Vino) ha deciso di armonizzare tali approcci e di apportarvi le specificità proprie al settore vitivinicolo già nel 2004. Pertanto, l’OIV ha adottato la definizione e i principi generali dello sviluppo sostenibile applicato alla vitivinicoltura (CST 1-2004) in quanto segue: "Approccio globale commisurato ai sistemi di produzione e di trasformazione delle uve, associando contemporaneamente la longevità economica delle strutture e dei territori, l’ottenimento di prodotti di qualità, la presa in considerazione delle esigenze di una viticoltura di precisione, dei rischi legati all’ambiente, alla sicurezza dei prodotti, alla salute e dei consumatori e la valorizzazione degli aspetti patrimoniali, storici, culturali, ecologici ed estetici." Per rispondere a questa definizione, nel 2008 l'OIV adotta una guida per l'attuazione del concetto di sviluppo eco-sostenibile nel settore vitivinicolo mondiale (CST 1-2008).

     Secondo la Risoluzione CST 1/2008 dell’OIV i punti fondamentali per una viticoltura sostenibile toccano i seguenti ambiti:

    • produzione delle uve,
    • trasformazione delle uve in vino;
    • condizionamento dei prodotti (confezionamento e stoccaggio).

    Patricija Muzlovic