Clonal selection and establishment of mother plantations of Vranac Variety

Clonal selection and establishment of mother plantations of Vranac Variety

Clonal selection of Vranac in Montenegro

Bearing in mind the importance of Vranac variety for the Montenegrin viticulture, work on the clonal selection of this variety has started in the 2004 year thanks to the collaboration between University of Montenegro Faculty of Biotechnology and the “13. jul Plantaže”, the biggest private wine producer of Montenegro.  

After conducting mass positive selection, genotypes with the best characteristics were chosen. Within the population of Vranac variety from 145 tested vines, 5 vines have passed complete sanitary control. Selected mother vines that have passed sanitary control (ELISA, PCR and indexing) are propagated and included in the further process of breeding. These vines entered in process of clonal selection.

In the period of 2008/2009 year, the pre based mother plantation of potential clones was planted. After propagation of selected vines, plantation of the pre based category was formed by potential clones and in their ampelographic, technological and economic characteristics were observed.

In specific features, potential clones have surpassed the population of variety and by its structure, fullness and fruity wine character, clone candidate NC V 15-13 stood out, in which the highest content of alcohol, total extract and anthocyanins were also measured. On the other hand, the highest content of total polyphenols was registered in clone NC V 62-7.

The Mother plantation of based category was planted in 2010. By planting the mother plantation of pre based and based category, it has been created a base for production of the highest quality category of vine grafts - certified grafts of Vranac variety. Mother plantation of high genetic potential and sanitary controlled will serve as repro material for the production of certified grapevine grafts-clones of Vranac variety.


Viticulture production and the varieties of Montenegro

The viticulture in Montenegro is mostly based on the breeding of autochthonous grapevine varieties such as Vranac, Kratošija, Krstač and Žižak. Vranac is the main autochthonous grapevine variety in Montenegro. The most famous vineyard area in Montenegro is Crmnica, which is considered the homeland of Vranac variety.

 It was in 1891, that Maksim Plamenac in a local magazine published the first descriptions of the Montenegrin varieties Vranac and Kratošija, both grown in Crmnica. However, the first remarkable descriptions of Vranac and Kratošija were made by Petar Plamenac in the Ampelography Viale and Vermonela in 1910.

Later, many authors ( Stojanović, 1929, Bulić, 1949, Ulićević, 1959 and1966) stated that the Montenegrin autochthonous variety Vranac is present in Montenegro only.

 Nastev, a Macedonian ampelographer in 1967 claimed that Vranac is a Montenegrin, autochthonous variety, grown mostly in Crmnica, but it has also been spread in the Montenegrin seacoast and stated that Vranac was transferred to the trial field Butel in Macedonia in 1950 and later it spread throughout Macedonia and in the territories of ex -Yugoslavia. These theses were confirmed later on by other numerous local authors (Pejović 1988, Burić 1995, Cindrić 2000, Savić 2003, Božinovik 2006, Milosavljević 2008, Maraš 2010).

 Today, the wine, made of the variety Vranac, has become the national brand and, at the same time, the most recognisable and best product of the company 13.jul-Plantaže (better known as Plantaze) that has been promoting Montenegro as a remarkable wine destination in the last decades. The company, in fact, owns 2310 hectares of vineyards in one complex and 70% of vineyards have been planted with Vranac variety. A group of experts of the Milan weekly magazine ’Il Mondo’ classified the wine Vranac in 1991 among Top 100 best red wines of Europe.

Documents


Vranac's genetic identification

As the result of cooperation between Plantaže and the Italian partner Centro di ricerca per la viticoltura, Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria (Center for the Wine Resarch in Italy), the genetic identification of the Montenegrin autochthonous grape varieties was completed. The varieties: Vranac, Krstač and Žižak confirmed their originality. By DNA analysis of samples from different viticultural areas from Montenegro (three samples from Ćemovsko polje, the sample of Kratošija from Gluhi dol (Crmnica) and the sample from Beri) , it was determined that the Montenegrin autochthonous grape variety Kratošija has the identic, genetic profile as Zinfandel from California, Primitivo from Italy and Crljenak Kaštelanski from Croatia.

It was determined that Vranac is in a very close kinship with Kratošija (zinfandel-primitivo), and that there is even the first-grade relation between these two varieties. Therefore, in the closest possible relation: parent-sibling and it has not still known which variety is a parent and which one a sibling. A part of the results from that project was published in 2008, as the joint work in the American magazine “Society for Enology and Viticulture”.

The work on the determination of the origin of Vranac has been done through numerous international projects in which Plantaze company has been taking part. ’Clonal Selection of the Autochthonous Varieties of Grapevine ’ started in 2004 is one of them.This project has been done in order to improve the agrobiological and industrial-technological properties of our autochthonous grape varieties. As the result of the activities, done so far and conducted visual supervision during the vegetation, the selection of some grape vines, standing out for their properties within the varietal population, was made. Within the scope of work on this project and establishment of the mother plots of pre-base and base category of the potential clones of the variety Vranac, it was completed in 2012 for the first time in Montenegro: the production of the certified grapevine planting material of the variety Vranac began.

There is a collaboration with the Rauscedo Cooperative Vivai in Friuli, that from 1960 is selecting their original clones - a very important strategic choice - in order to produce for the local wine growers a large number of their own selections. alongside the clones of the Public Research Institutes,  Already in the late 1980s, an intensive varietal prospecting work has started in Serbia and Montenegro on Prokupac, Vranac, Kratošija and Krstač

Tatjana Knezevic, Patricija Muzlovic

Video


Share

Related questions

  • One of the most important issues related to the introduction of GMOs is their food safety. People fear that genetic modification may lead to the introduction of products, in food chain, with potentially unpredictable side effects, so eating OGM foods may pose greater risks than traditional non-genetically modified foods on human health. Is that so?

    Riguardo alle biotecnologie e, in particolare all'introduzione di  organismi geneticamente modificati (OGM) nel settore agroalimentare, si è acceso negli ultimi anni un forte dibattito a livello nazionale e internazionale relativamente alle tematiche della protezione dell'ambiente e della salute, così come implicazioni economiche e sociali e questo nonostante ci sia ampio consenso in ambito scientifico nel ritenere che i cibi OGM non presentino rischi maggiori di quanti ne presenti il normale cibo. 

    Una delle fonti principali dove poter trovare informazioni sull'argomento è sicuramente EFSA, l’agenzia europea, istituita nel 2002, fonte indipendente di consulenza scientifica e comunicazione sui rischi associati alla catena alimentare. La legislazione alimentare generale ha creato un sistema europeo di sicurezza alimentare in cui la responsabilità di valutare i rischi e quella di gestirli sono tenute separate. L’agenzia che opera in modo indipendente dalla Commissione europea, dal Parlamento europeo e dagli Stati membri, è stata, ha di recente dedicato una sezione del proprio sito informativo proprio al tema OGM, sulle richieste di autorizzazione di OGM e sulla cooperazione con gli Stati membri dell'UE. Un'altra sezione illustra il quadro normativo che disciplina il lavoro dell'EFSA in tema di OGM.Già nel 2011 l'EFSA ha infatti avviato un progetto per valutare otto nuove tecniche di miglioramento di vegetali. Al gruppo di esperti scientifici è stato chiesto di valutare se i correnti documenti orientativi fossero ancora validi per piante sviluppate utilizzando le nuove metodiche che includevano intragenesi, cisgenesi e tecnica della nucleasi a dito di zinco (ZFN). Il gruppo di lavoro ha concluso che l’attuale guida alla valutazione del rischio (tra cui una guida alla valutazione dei rischi ambientali) era applicabile anche alla valutazione di alimenti e mangimi derivati tramite queste nuove tecniche. Nel 2013 la Commissione europea ha richiesto che l'EFSA sospendesse ulteriori valutazioni di nuove tecniche di miglioramento vegetale, per consentire al gruppo OGM di concentrarsi sulla valutazione di richieste di autorizzazione di OGM e sullo sviluppo di linee guida. Per i dettagli è possibile scaricare il pdf sottostante. 

    In Italia la discussione sulle nuove tecniche biotecnologiche, ed in particolare sulla cisgenesi e il genome editing è stata portata in senato il 30 luglio del 2015 come “Affare assegnato sulla materia delle nuove tecnologie in agricoltura, con particolare riferimento all'uso delle biotecnologie sostenibili e di precisione (Atto n. 591)”. Da allora fino a luglio 2016 la 9ª Commissione permanente (Agricoltura e produzione agroalimentare) ha eseguito nove sedute con audizioni di rappresentanti del Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (CREA), appresentanti del Consiglio nazionale per le ricerche (CNR) del Presidente della Società italiana di biologia vegetale (SIBV) e del Presidente della Società italiana di genetica agraria (SIGA) di rappresentanti della Fondazione Edmund Mach di rappresentanti di Greenpeace Italia dell'Associazione italiana sementi (Assosementi) e di esperti vari (tra cui anche i ricercatori di IGA).

    Il mondo della ricerca sostiene che miglioramento genetico vegetale rappresenta uno dei settori attraverso i quali è possibile aumentare competitività e sostenibilità del sistema agricolo anche rispetto alle sfide della efficienza produttiva, dei cambiamenti climatici, della sostenibilità delle produzioni, con riferimento soprattutto alla riduzione dell’uso dei pesticidi. Tra le nuove tecniche biotecnologiche, quelle più promettenti e per le quali vi è un notevole interesse della comunità scientifica, sono la cisgenesi e il genome editing. Si tratta di tecnologie di recente messa a punto che permettono di modificare in modo mirato il patrimonio genetico di una varietà commerciale, frutto spesso di numerosi anni di breeding, riproducendo quanto avviene attraverso le mutazioni naturali o l’incrocio naturale (processi che sono alla base della struttura genetica delle moderne varietà coltivate di tutte le specie agrarie), ma in maniera rapida e selettiva. 

    ll miglioramento genetico vegetale rappresenta uno dei settori attraverso i quali è possibile aumentare competitività e sostenibilità del sistema agricolo anche rispetto alle sfide della efficienza produttiva, dei cambiamenti climatici, della sostenibilità delle produzioni, con riferimento soprattutto alla riduzione dell’uso dei pesticidi. Tra le nuove tecniche biotecnologiche, quelle più promettenti e per le quali vi è un notevole interesse della comunità scientifica, sono la cisgenesi e il genome editing. Si tratta di tecnologie di recente messa a punto che permettono di modificare in modo mirato il patrimonio genetico di una varietà commerciale, frutto spesso di numerosi anni di breeding, riproducendo quanto avviene attraverso le mutazioni naturali o l’incrocio naturale (processi che sono alla base della struttura genetica delle moderne varietà coltivate di tutte le specie agrarie), ma in maniera rapida e selettiva. 

    Patricija Muzlovic

  • What does precisely "varietal innovation" mean?

    L’innovazione varietale significa selezionare varietà che possono fornire produzioni di alta qualità con ridotto fabbisogno energetico ed a basso impatto ambientale e per rispondere alle esigenze sempre più eco-consapevoli dei consumatori. La Convenzione internazionale UPOV del 1991 definisce come “varietà” insieme di individui coltivati identificabili mediante l’espressione delle caratteristiche risultanti da un dato genotipo o da una combinazione di genotipi, che si distingue nettamente da un qualsiasi altro insieme vegetale per almeno una delle suddette caratteristiche e che dopo cicli di moltiplicazione successive conservi le proprie caratteristiche distintive. 

    L’Unione Internazionale per la Protezione delle Nuove Varietà Vegetali è  nata a seguito di una Convenzione, sottoscritta a Parigi nel 1961 appunto per la protezione delle nuove varietà di piante.  Entrata in vigore nel 1968, è stata poi oggetto di successive revisioni nel 1972, 1978 e 1991 (quest'ultimo in vigore dal 24/4/1998). Scopo dell'UPOV è quello di promuovere un efficiente sistema di protezione sui ritrovati vegetali ed assicurare che i membri dell'Unione riconoscano i risultati raggiunti dai costitutori vegetali, concedendogli un diritto di proprietà intellettuale. Inoltre assiste i paesi membri nel processo di implementazione nella propria legislazione nazionale. Attualmente (luglio 2011) aderiscono all'UPOV 70 paesi, fra cui anche l'Italia.

    Per essere idonee alla protezione, le varietà devono rispondere a requisiti di: novità e distinguibilità dalle varietà già esistenti, uniformità e stabilità. I costitutori vegetali (breeders) che operano in Italia hanno due possibilità alternative per tutelare le proprie novità vegetali:

    • tutela solo per l'Italia, con la protezione nazionale per le nuove varietà vegetali, attraverso il Decreto Legislativo 10 febbraio 2005, n.30;
    • tutela per tutto il territorio della Comunità Europea, con il regime comunitario di privativa per i ritrovati vegetali (Reg. (CE) 2100/94).
    Patricija Muzlovic